Cerca nel blog

domenica 5 aprile 2009

Microsoft ed i "Miti" di VMware: Lo Sbruffone e Lo Scienziato "ignorante"

Ho appena finito di guardarmi le "comiche" di due impropri personaggi di Microsoft che cercano di "sfatare" dei miti nei confronti di VMware; andiamo Microsoft e' tanto difficile combattere lealmente? Perche' non prendere 2 persone per dire cose credibili ed evitare plateali figuracce?
Partendo dal buon lavoro gia svolto a questo link, ho chiarito alcuni aspetti con le mie PERSONALI opinioni.

1) Microsoft has no live migration.
i 2 Comici affermano: "In Microsoft Windows 2008 R2 that is coming out really soon we have Live Migration". ah davvero?! e proseguono nella W2k8 R2 "ci SARA' la Live Migration e funzionera' come la VMotion di VMware". Intanto cominciate a rilasciare questa benedetta R2 (annunciata inizi 2010), secondo lasciate parlare i clienti sul fatto che funzionera'; al MOMENTO (Aprile 2009), Hyper-V NON ha "Live Migration";

la confutazione e' FALSA: MICROSOFT ad oggi NON ha la "live migration".

2) Clustered file systems
I Due comici parlano ancora di quel che ci sara' in W2k8 R2; TORNATE al presente:"Hyper-V 1.0 NON ce l'ha"; "Tutti i problemi saranno risolti nella Release 2″. Sfortunatamente nessuno lo puo ancora provare e la storia non e' dalla vostra parte;

quindi di nuovo La confutazione e' FALSA:  MICROSOFT NON dispone del CFS.

3) Hyper-V is a 1.0 product.
i Due comici riprendono dicendo che VMware dice che Hyper-V e' una versione 1 del prodotto. Cara Microsoft e' un dato di fatto: si chiama Hyper-V 1.0 oppure e' un dieci per farlo sembrare piu' maturo?? Inoltre proseguono dicendo che e' scalabile, affidabile e stabile perche' lo usano molti clienti, persino Technet... e qui la scienza infusa si comincia a intravedere; ma per favore stabilita', scalabilita' e affidabilita' sono parametri che vanno provati in campo neutrale; ad es. VMware ha usato
specweb2005 (benchmark riconosciuto ufficialmente) per battere il record di SCALABILITA' delle applicazioni Web; ha vinto un premio su redmond magazine per la sua affidabilita'; sapete qual'e' il primo prodotto Microsoft in questa classifica? il DOS 6.2.

La Confutazione e' FALSA: MICROSOFT Hyper-V e' attualmente la versione 1.

4) Low performance
i due "brillantoni" parlano a vanvera senza uno straccio di dato tipo "come" e "cosa" e' stato testato; Al di la dei vari benchmark "sintetici" e "indipendenti" a cui non credo molto nemmeno io, cara Microsoft visto che e' un vosto prodotto avete mai provato a farci girare exchange? VMware e' arrivata a
16000 Caselle di posta elettronica su 1 server con una versione vecchia di 1 anno ormai (Feb, 2008);

La confutazione e' FALSA perche' basata su argomentazioni infondate. MICROSOFT dimostra che hyper-V gestisca workload reali e consistenti e ne riparliamo.

5) Footprint
I due acchiappa-fuffate, affermano che la differenza nel footprint non e' cosi' grande ed inoltre non e' poi cosi' fondamentale il footprint. Per VMware non e' tanto il fatto del "footprint" di per se; e' che avere 1 sistema Operativo "General Purpose" + 1 Hypervisor porta piu' rischi statisticamente legati alla maggior probabilita'di trovare buchi di sicurezza in un sistema operativo "general purpose" e quindi ad un piu frequente patching dello stesso(e' ancora martedi?); unito al fatto che hyper-V non ha ancora live-migration ecco che avete un fermo di molti piu server contemporaneamente; VMware per questo motivo ha rimosso Red-Hat e cambiato l'architettura per renderla piu' "scalabile".

MICROSOFT rimuovi la dipendenza con W2K8 e poi ne riparliamo; Confutazione FALSA e tecnicamente e' un colabrodo.

6) Broad hardware support
I due gentiluomini, mostrano una tabella comparativa sull'HCL di VMware dove non viene riportato Microsoft Hyper-V affermando che altrimenti sarebbero superiori. Concettualmente e' vero ma ad uno sguardo piu' attento VMware afferma che: “Microsoft claims that they have a very big HCL, because they can use the same Windows Server 2008 drivers for Hyper-V deployments. However, Windows drivers have traditionally been the major root cause when it comes to Windows instabilities”. Le instabilita' introdotte da driver "general purpose" non possono essere accettate/tollerate su un sistema che deve tenere affidabilimente attivi migliaia di sistemi in produzione, ne tantomeno ci si puo affidare alle performance di un driver "generico" non certo ottimizzato per il funzionamento con un hypervisor, come lo sono quelli di VMware ESX; io preferisco ridurre la scelta dei componenti ma avere la certificazione di alta stabilita e performance garantite.

MICROSOFT e' vero la vostra HCL e' piu' lunga, ma dimostrateci quanto i driver che usate nella parent partition siano affidabili e studiati per workload di virtualizzazione in produzione (uptime medio? scalabilita? caselle di Exchange?); affermazioni INFONDATE ed illogiche.

7) Management
I 2 comici qui affermano che “VMware is only talking about Virtual Machine Manager, they (VMware) are not talking about Systems Center”. Ma per favore!? siamo nel ventunesimo secolo e le aziende hanno gia speso abbastanza soldi nel gestire i loro Datacenter con un sistema di management centralizzato (quante sono le "incarnazioni" di System Center da comprare?); VMware oltre a gestire al meglio il Datacenter Virtualizzato si preoccupa di estendere le possibilita' di quei sistemi fornendo gratuitamente kits di sviluppo (SDK/API) e collaborando con i produttori di software di management che gia le aziende usano per la gestione come BMC, CA, HP, IBM, NetIQ, Quest Software, Symantec, etc; certo nell'etc c'e' compresa anche la Microsoft peccato che al momento ha non pochi problemi di "gioventu'" come ad esempio quelli riportati a questo
link. il punto per VMware e' dare al cliente una SCELTA; la SCELTA di non affidarsi a prodotti immaturi che tra anni 'forse' miglioreranno, pagandone ora lo sviluppo.

Confutazione FALSA basata su concetti VAGHI e non chiarisce perche' sia meglio usare System Center piuttosto che altri prodotti ben piu diffusi di gestione.

8 ) Memory Over-commit
Qui viene il bello. I due "ignoranti", nel senso che ignorano, affermano che il memory over-commit e' utile solo in pochi scenari e che non hanno visto dai clienti il rapporto di 2 a 1 di cui parla VMware; e te credo! non penso che 2 comici ignoranti pagati da Microsoft vadano in giro ad installare e gestire VMware dai loro clienti.
Comunque, certo che il memory over-commit DA SOLO non porta a nulla; infatti e' solo 1 delle tecnologie di "memory savings" che usa VMware; la maggiore parte di risparmio in memoria viene dal “transparent page sharing”. Ovvero la funzionalita' innata di VMware di poter de-duplicare le pagine di memoria di tipo read-only, memorizzandole in RAM 1 sola volta referenziandole per tutti gli altri sistemi che le usano. Immaginate di avere un server fisico con piu di 50 VMs con OS XP in un progetto VMware View (aka VDI); perche' dovreste memorizzare in RAM 50 Volte le stesse pagine di memoria usati da Kernel/etc per-di-piu' se sono read-only? Queste 2 tecnologie assieme ad altre come per es. il
memory ballooning permettono di avere il tipico rapporto di 2 a 1 se non superiore che ho visto personalmente da alcuni clienti senza il minimo impatto sulle performance, bensi' con TCO di oltre il 200% e payback di 6/9 mesi.
Esistono inoltre diversi modi di fare "memory-overcommit" tra cui quelli sensati come riportato a questo
link.
MICROSOFT: FALSA Affermazione e disinformazione (voluta?), con tipico approccio: "IO non ce l'ho, allora Cliente, NON ti serve"

9) Lower cost per VM
E' sempre un punto difficile da spiegare specie ai clienti. In questo caso la loro prima parte e' basata sul fatto che sia un "mito" l'over-commit di VMware e come dimostrato precedentemente e' falso quindi partono gia col piede sbagliato; quindi se spendendo di piu per la Soluzione A riesco a far girare il doppio dei sistemi che con la Soluzione B, risparmiando Server fisici e licenze della Soluzione A, ecco che A diventa economicamente piu conveniente di B; non sto parlando del "solo" hypervisor ma di tutti gli strumenti necessari compresa la sua gestione ed integrazione con la realta' esistente.
Se avete bisogno di maggiori chiarimenti potete usare il calcolatore dei
"costi per applicazione", dove troverete i numeri che parlano, non 2 "ignoranti".
Confutazione di base ERRATA perche' usa punto precedente FALSO (memory over-commit).


10) You Need VMware Virtualization
Questa tra tutte e' la peggior fesseria, soprattutto per l'assunzione fatta dalla sbruffone (sulla sx) e rimarcata dallo scienziato ignorante che appunto "ignora"  (sulla dx):
"With VMware you’re dealing with four layers. You got the hardware, the VMware layer, the Operating System and the applications. With our solution (Hyper-V) you have three layers. You have got the hardware, you have the Operating System and the applications.”
Ehhhhhh?! 3 layers contro 4 layers??? In Hyper-V avete gli stessi Layers che avete con VMware ESX; inoltre nel caso di Hyper-V sul sistema gireranno sempre N+1 sistemi operativi (siete obbligati ad avere almento 1 W2k8 come parent partition).
Questa affermazione e' completamente campata per aria e non fa altro che rendere evidente l'inconpetenza e/o la falsita' dei personaggi (non ci credo che sono cosi ignoranti).
Perfortuna non sono tutti cosi' IGNORANTI in Microsoft:


MICROSOFT, mi spiace ma anche qui hai detto il FALSO se non addirittura una "castroneria immane".

P.S. per vedere questo filmato "speciale" serve un software "speciale" di Microsoft: "Silverlight" tadaaa, funziona solo su software Microsoft (IE)... risparmiatevi la fatica e continuate ad usare il vostro Firefox o Google Chrome ;-)

P.P.S. i piu' saggi avranno notato che ho revisionato quest'articolo, rimuovendo la componente "emotiva" dopo aver preso una "birra" virtuale con un mio amico di blog.


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Di questi tempi la crisi economica tocca pesantemente tutti. Ciò nonostante mi è difficile credere che Microsoft abbia ridotto i propri budget a tal punto da potersi permettere solo uscite di questo tipo. Soprattutto per perorare la propria piattaforma di virtualizzazione; dobbiamo dedurre che è questo il è l'importanza che Microsoft attribuisce a questa tecnologia?

Magnificare quello che oggi non esiste con i soliti "SARA'/FARA'/POTRA'" è una tecnica digerita sempre meno e oggi più che mai inefficace.

Sarebbe una grande dimostrazione di serietà da parte dell'azienda Microsoft se, verificate le affermazioni dei due signori, ne prendesse le distanze, oppure le ribadisse con evidenze più valide di alcune affermazioni buttate a caso da degli apparenti sporvveduti.

Massimo Re Ferre' ha detto...

Non ti ho mai visto cosi' arrabbiato .... :-)

Questo mondo ormai e' regolato dal marketing.....

Ciao. Massimo.