Cerca nel blog

lunedì 4 ottobre 2010

E’ l’ora di ESXi

Con l’annuncio di vSphere 4.1, VMware ha reso noto che la piattaforma di riferimento per le future versioni dell’hypervisor sarà ESXi indicando che la versione 4.1 sarà l’ultima versione nella quale sarà possibile scegliere se installare ESX “tradizionale” oppure ESXi.

In questa condizione molti utenti VMware cominciano, solo ora, a chiedersi quali possano essere le differenze e soprattutto se l’impiego di ESXi comporti perdite di funzionalità.

ESXi è disponibile da molti anni ed è un hypervisor bare metal esattamente come ESX. In un ambiente gestito da vCenter le differenze sono minime, tutte mirate a migliorare la sicurezza del prodotto; sicurezza intesa come minor superficie di attacco e minori quantità di patch necessarie al virtualizzatore. In sintesi gli elementi più evidenti quali differenze tra i due hypervisor sono l’assenza della Service Console, intesa console nativa di management di ESX e del servizio di WebAccess.

Sul versane amministrazione via riga di comando o command line interface (CLI), ESXi può essere gestito attraverso 3 distinti pacchetti per con i quali è possibile creare automazioni attraverso script. I pacchetti sono:
  • vCLI: prodotto disponibile per Linux e per Windows;
  • VMA, VMware Management Assistant, macchina virtuale importabile nell’ambiente vSphere la quale, tra gli altri, contiene la vCLI;
  • PowerCLI: pacchetto che si appoggia a PowerShell e che rende disponibili una serie di comandi pronti all’uso.
Se in passato la scelta tra ESX ed ESXi poteva essere a vantaggio del primo per una più vasta HCL, con il passare delle release questa differenza si è sempre più assottigliata, inoltre la versione 4.1 presenta ulteriori nuove funzionalità quali:
  • supporto per il boot from SAN;
  • supporto per l’installazione via script;
  • sistema di autentica integrabile con Active Directory;
  • supporto completo della modalità TSM (Technical Support Mode) gestibile dalla Direct Console;
Per maggiori dettagli sul confronto delle versioni è possibile consultare i seguenti link:

Nessun commento: