Cerca nel blog

martedì 30 novembre 2010

Errore nell’aggiunta di un disco RAW (RDM) in una VM

Per aggiungere un disco RAW ad una macchina virtuale (RDM) ESX si avvale di un proxy file, di fatto un puntatore, che viene scritto in un datastore scelto dall’utente (il default è la home della VM) e referenziato all’interno del file VMX.

A livello di VMFS il proxy file non occupa spazio all’interno del datastore dove viene collocato ma riporta la dimensione effettiva della LUN alla quale punta. Se durante l’aggiunta di un disco RAW in una VM il sistema mostra l’errore:

“File [datastorename] foldername/filename.vmdk is larger than the maximum size supported by datastore”

significa che, a causa delle dimensioni della LUN, il datastore scelto per posizionare il proxy file utilizza un block size non idoneo ad ospitare il file (anche se “fittizio”). Per la VMFS 3 la relazione che legail block size con la dimensione massima dei file nel file system è la seguente:
  • Block size 1 MB = grandezza massima del file 256 GB
  • Block size 2 MB = grandezza massima del file 512 GB
  • Block size 3 MB = grandezza massima del file 1 TB
  • Block size 4 MB = grandezza massima del file 2 TB

Per risolvere il problema appena descritto è necessario posizionare il proxy file scegliendo un datastore formattato con un block size sufficientemente grande per il proprio “file puntatore”. Per osservare la dimensione del block size del proprio datastore è sufficiente chiedere le proprietà del datastore stesso ed osservare i dettagli.

Proprietà del datastore VMFS



Per maggiori informazioni consultare le seguenti KB:

Nessun commento: