Cerca nel blog

mercoledì 3 novembre 2010

Tech Preview: Storage DRS

Ulteriore anteprima del VMworld la funzionalità S-DRS o meglio Storage DRS. Il relatore ha precisato che il prodotto non esiste ancora ma che si tratta di un progetto aperto ed in continuo sviluppo da 3 anni.

Descrizione del problema

Oggi il bilanciamento operato a livello di VM investe solo CPU e RAM grazie a VMotion e DRS. Con vSphere 4.1 è stata introdotta la funzionalità di “Storage I/O Control” che per mette, lato storage, di gestire proporzionalmente l’accesso alla risorsa indirizzando il problema del “vicino noioso” (noisy neighbor).

SDRS cerca di indirizzare il problema del piazzamento del VMDK, in quanto determinare il datastore più efficiente per le VM nel momento della sua creazione è pressoché impossibile. In queste circostanze Storage VMotion può aiutare, ma il “dilemma” della scelta della LUN di destinazione comunque rimane. “I/O Balancing” e “Space Avoidance” sono i parametri che uno strumento di automazione per il placement del VMDK deve considerare.

Concetti

Verrà introdotto una nuova entità logica chiamata “Datastore Group”, oggetto equivalente al “Cluster” utilizzato nell’inventario “Host & Cluster”. Il Datastore Group sarà un oggetto in grado di supportare tutte le tipologie di datastore e potrà contenere datastore di diverso tipo.

Funzionalità:
  • semplificare il placement iniziale del VMDK, inteso sia come piazzamento iniziale che come bilanciamento in base al carico di lavoro;
  • possibilità di creare delle regole di affinità/antiaffinità a livello di dischi virtuali;
  • possibilità di gestire la “modalità di manutenzione” anche a livello di datastore;
  • possibilità di aggiungere nuovi datastore al gruppo, con il ricalcolo automatico delle soglie per il bilanciamento.

Workflow:
  • creazione del “Datastore Group” quale figlio dell’oggetto “Datacenter”. Impostazione della soglia di automazione (no automation, manual, e fully automated);
  • definizione delle regole a runtime (Runtime Rules) ovvero impostazione delle soglie relative a spazio e latenza per disciplinare l’automazione;
A questo punto nel wizard di creazione delle VM oltre a scegliere in quale cluster appoggiare la VM sarà possibile indicare in quale "Datastore Group" posizionare i vmdk. In questa fase non avendo altri riferimenti se non la dimensione del disco virtuale il sistema provvederà a fornire delle raccomandazione sul posizionamento del disco (Placement Recommendation).

SDRS in azione:
  • osserva il carico di lavoro a livello di storage e ribilancia una sola volta in un intervallo di tempo;
  • di default sposta le VM se il datastore è consumato fino all’80%, prendendo in considerazione anche la velocità di crescita dei dischi thin;
  • il bilanciamento è fatto in base a dei modelli (device modeling) che tengono presente il diverso numero di dischi, la natura del disco (es. SATA vs FC), tipologia di RAID, tutte elementi non visibili a livello di datastore.
Futuro di SDRS

Nonostante la feature non sia ancora disponibile VMware sta già pensando ad ulteriori sviluppo quali:
  • impostazioni di quote;
  • integrazione nei Resource Pool dei controlli relativi allo storage;
  • più controlli sul piazzamento iniziale, magari pensando ad un modello che è in grado di analizzare dinamicamente i dati raccolti dai vmdk contenuti nei datastore
Per maggiori informazioni è possibile consultare la registrazione della sessione tenuta al VMworld (necessario disporre un account per accedere al documento).

Nessun commento: