Cerca nel blog

venerdì 22 aprile 2011

Nuova vita per i corsi Fast Track

Il corsi Fast Track sono sempre stati molto intensi ed in cinque giornate consolidano argomenti che di solito vengono trattati in 8 o più giornate. Il vantaggio di questi corsi è quello di fornire più informazioni soprattutto per gli studenti che hanno già una buona esperienza operativa sulla virtualizzazione senza avere però un background sulla teoria che sta dietro al sistema.

Con l’estensione a 5 giorni del corso VMware vSphere 4.1: Install, Configure, Manage, il corso VMware vSphere: Fast Track è stato ritirato dai calendari ufficiali, anche se erogabile su richiesta. Nel mese di Aprile VMware ha annunciato la disponibilità di ben tre nuove tracce sotto “l’ombrello” Fast Track:

  • VMware vSphere: Automation Fast Track: il corso nasce dalla fusione dei corsi “VMware vSphere: Install, Configure, Manage” e “VMware vSphere: Automation with vSphere PowerCLI”. Si tratta di un corso pratico che oltre ad esplorare l’installazione la configurazione e la gestione di una infrastruttura vSphere con il vSphere Client si occupa degli stessi task ma con l’aiuto di script offerti dalla VMware vSphere PowerCLI, il tutto per ridurre i costi operativi aumentando l’efficienza e la flessibilità nell’amministrazione.

  • VMware vSphere: Advanced Fast Track: si tratta di un corso molto intenso con tanti esercizi che include i contenti dei corsi “VMware vSphere: Manage for Performance” e “VMware vSphere: Troubleshooting”. Il corso è pensato per preparare gli studenti a prendere le decisioni fondamentali in fase di progettazione dell’ambiente per migliorare le performance affinché queste coincidano con le aspettative; il corso inoltre fornisce la metodologia per il troubleshooting di un ambiente vSphere.

  • VMware View: Desktop Fast Track: questo corso è il risultato di tre tacce: “VMware View: Install, Configure, Manage”, “Application Virtualization with VMware ThinApp” e “VMware View: Design Best Practices”. Il corso è concepito per concentrare in pochi giorni tutte le informazioni necessarie a comprendere come mettere in opera un ambiente per la desktop virtualization non soltanto dal punto di vista operativo ma anche dal punto di vista progettuale.


Per maggiori informazioni è possibile consultare i datasheet presenti sul sito VMware:

Attenzione

Il dettaglio del programma del corso si riferisce al mercato americano, in particolare per alcuni corsi è previsto il voucher per gli esami. A livello europeo l’erogazione del voucher è una opzione da discutere con il proprio training center ufficiale.

giovedì 21 aprile 2011

Thinapp 4.6.1, Office 2010 e licenze KMS

Ciao,
con il rilascio di Thinapp 4.6.1, il Team di VMware e' riuscita a eliminare la necessita' di installare ogni tipo di software aggiuntivo come invece richiesto da altre soluzioni per la suite Office 2010.
Questo requisito e' fondamentale anche perche' se per far funzionare un applicazione Virtuale ho bisogno di installare dell'altro software a "supporto" che cavolo la virtualizzo a fare?

Nel mio pellegrinare ho trovato molto utile la guida da seguire con scrupolo riportata sul blog ufficiale Quick-start guide for deploying Office 2010 using ThinApp 4.6.1 e la KB Issues with ThinApp and Microsoft Office 2010.

Soprattutto i passi per i processi .Net ed il dettaglio FONDAMENTALE di non attivare Office2010 prima del postscan e di usare licenze KMS.

Ci sono pero 4 addittivi che hanno reso il mio package "resistente" e funzionante sia su XP/Win7-32bit e Win7-64bit senza modifiche, su almeno una decina di deployment:

1) Usare solo la sequenza di steps per licenza KMS

2) Configurare il Server KMS tramite chiave di registro:

[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\OfficeSoftwareProtectionPlatform]
"KeyManagementServiceName"="XXX.YYY.ZZZ.WWW"

3) Disabilitare il servizio CTFMON tramite la seguente chiave di registro:

[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\CTF]
"Disable Thread Input Manager"=dword:00000001

4) Cercare e modificare le seguenti chiavi di registro:

isolation_full HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Installer\UserData\S-1-5-18\Components\CC427126E291CBE47960B02470798141
Value=00004102110000000000000000F01FEC
REG_SZ~02:\SOFTWARE\Microsoft\Windows Search\ProtocolHandlers\Mapi\ProgID#2300

isolation_full HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Installer\UserData\S-1-5-18\Components\1C142428AC6D17249BC6F1CEA00887F3
Value=00004102110000000000000000F01FEC
REG_SZ~02:\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\PreviewHandlers\{435fdba0-964c-43a7-8aff-cc94e21b2249}#2300

isolation_full HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\PreviewHandlers
Value={435fdba0-964c-43a7-8aff-cc94e21b2249}
REG_SZ~Microsoft Office Outlook MAPI Preview Handler#2300

isolation_full HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows Search\ProtocolHandlers\Mapi
isolation_full HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows Search\ProtocolHandlers\Mapi
Value=ProgID
REG_SZ~Outlook.Search.MAPIHandler.1#2300

Ovviamente per testarlo sul vostro ambiente e' necessario un server KMS, ma cercando in rete sono sicuro che una soluzione la trovate ;-).

Buon Thinappasquale a tutti.

Sivix.

Rilasciato vCenter Operations Enterprise 1.0

VMware ha rilasciato vCenter Operations Enterprise 1.0, conosciuto anche come Alive Enterprise; in questo rilascio il vendor ha completato il rebranding del prodotto Alive integrando la soluzione nel portafoglio VMware.

vCenter Operations Enterprise è uno strumento che fornisce gli strumenti per lo studio delle performance la gestione della capacità e delle configurazioni sia per gli ambienti virtuali che per quelli fisici mettendo a disposizione dei cruscotti personalizzabili, smart alert ed informazioni relativa alle applicazioni.

È possibile trovare una dettagliata comparazione tra le edizioni alla pagina: vCenter Operations Editions - Feature Comparison

Tra le nuove funzionalità:


  • Rebranding del prodotto e della documentazione

  • Gestione dell’aggiornamento da VMware Alive Enterprise 7.2 a vCenter Operations Enterprise 1.0

  • Ottimizzatore delle performance per un calcolo più rapido delle cause e serializzazione delle soglie dinamiche

  • Miglioramento dell’algoritmo per le Dynamic Thresholds per adattarso al cambiamento dell’ora legale/solare

  • Introduzione di nuove utilità come: Reporting Repository, FSDB Cleaner, Server Auto Configuration

Per maggiori dettagli è possible consulatre:

sabato 2 aprile 2011

Video: No Joke: Kinect Managing Cloud Servers

From datacenterknowledge.com:

The idea grew out of a tweet from of BlueShift. Weaver picked up on the idea and brought it to life. It’s amazing how the Kinect has spurred the imagination of so many technologists. Sometimes real life is stranger and cooler than you expect

Interactive Cloud - Nicholas Weaver(@lynxbat) from Nicholas Weaver on Vimeo.


enjoy!
\mf