Cerca nel blog

mercoledì 28 settembre 2011

Differenze tra VMFS3 e VMFS5

Con l’arrivo di vSphere 5 anche il file system VMFS è stato aggiornato.
Tra le differenze più evidenti la scomparsa del block size, chiesto nella fase di creazione del datastore e parametro necessario nella VMFS3 che influenzava la dimensione massima dei dischi virtuali nella VMFS.
Scelta del block size per la VMFS3
Scelta del block size per la VMFS3
Con la VMFS5 il block size è fissato ad 1 MB ed è in grado di supportare virtual disk (VMDK) fino a 2 TB.

Formattazione VMFS5 e Partition Table GPT
Formattazione VMFS5 e Partition Table GPT
Altro limite superato è quello della dimensione massima della singola LUN, limite di 2 TB con la VMF3 a causa di MBR utilizzato per la partition table.
Formattazione VMFS3 3 Partition Table MBR
Formattazione VMFS3 3 Partition Table MBR
Con ESXi 5.0 il device fisico viene formattato utilizzando GPT quale standard per il layout della partition table del disco. GPT permette di operare su dischi grandi fino a 64 TB. Questo permette di formattare ex-novo con VMFS5 dischi più grandi di 2 TB oppure di aggregare ad un datastore VMFS5 device più grandi di 2 TB
Il limite massimo pe i dischi virtuali è rimasto 2 TB e si applica anche per il raw device mapping (RDM) se utilizzato nella modalità virtuale. Con RDM in modalità fisica è possibile invece mappare dischi grandi fino a 64 TB.
Una ulteriore funzionalità della VMFS5 consiste nel supporto per un nuovo sistema di locking chiamato atomic test and set (ATS) che si aggiunge al già presente SCSI reservations. L’algoritmo ATS è automaticamente seleziontato per i datastore creati su storage che supportano l’hardware acceleration infatti questo meccanismo viene anche detto “hardware assisted locking”. ATS elimina la necessità di bloccare l’intera VMFS quando è necessario modificare i valori dei matadata, agendo sui settori del disco.
Per maggiori informazioni è possibile consultare:

Nessun commento: