Cerca nel blog

lunedì 4 giugno 2012

Rilasciata la vSphere 5.0 Security Hardening Guide

VMware ha rilasciato la guida per la messa in sicurezza di vSphere 5. Secondo il blog ufficiale di VMware in materia di sizurezza, la guida è stata riscritta accogliendo i suggerimenti ed i feedback di partner e clienti. Di seguito alcuni degli aspetti chiave della manuale:
  • il documento è stato rilasciato come foglio elettronico, che grazie alla forma tabellare permette di indiare, tra gli altri, l’oggetto della vulnerabilità, cosa colpisce, come controllare l’esposizione, come rimediare e gli eventuali riferimenti;
  • tutte le guidelines usano lo stesso set di metadata per permettere agli utenti di adattare la guida al proprio ambiente, selezionando il campi d’interesse e permettendo la creazione di una checklist o documento similare;
  • obiettivo principale della guida è quella di facilitare la risoluzione dei problemi grazie all’automazione, di fatti nel foglio elettronico sono contenuti i comandi vSphere CLI (vCLI), ESXi Shell e PowerCLI. Sono stati anche inseriti i riferimenti alla documentazione alle vSphere API;
  • il livello di raccomandazione è stato costruito intorno al concetto di profilo, questa evoluzione è una parte del processo di standardizzazione della guida che potrebbe portare ancora più benefici in futuro.
La guida dispone di una scheda introduttiva che descrive lo schema dei nomi, la struttura, i livelli di raccomandazione ed in dettaglio di tutti gli aspetti della guida. VMware raccomanda di leggere accuratamente questa scheda in quanto contiene importanti informazioni sull’uso delle schede successive.
La guida è stata pubblicata nella community di VMware nell’area "Security and Compliance” nella sezione documenti.
Per maggiori informazioni è possibile:

sabato 2 giugno 2012

LeftHand entra nel programma “vSphere Metro Storage Cluster”

Il programma vSphere Metro Storage Cluster (vMSC) è una nuova configurazione certificata basata sull’architettura stretched storage cluster, che permette di estendere il cluster dello storage tra siti. Una configurazione vMSC è progettata per mantenere la disponibilità dei dati, anche a fronte della caduta di un sito, immediatamente ed in modo trasparente. Lo storage configurato in modalità “Metro Cluster” è supportato da VMware solo dopo aver passato la certificazione vMSC.
In tema di vSphere Metro Storage Cluster VMware ha annunciato che LeftHand, la prima soluzione iSCSI certificata VMware, è entrata a far parte del programma. La lista di compatibilità di VMware sullo storage riporta tutti gli apparati supportati per la configurazione vMSC, tra cui LeftHand, scegliendo l’opzione “iSCSI Metro Cluster Storage” dal pannello “Test Configurations”.
 
 
Contemporaneamente all’annuncio è stata aggiunta una KB in merito all’implementazione di Lefthand quale soluzione multi-site, descrivendole diverse possibilità di guasto. Anche HP ha rilasciato un Technical white paper intitolato “Implementing VMware vSphere Metro Storage Cluster with HP LeftHand Multi-Site storage”.
Per maggiori informazioni è possibile consultare:

Nuovo accordo di collaborazione tra VMware e Riverbed

Il 2 maggio VMware ha annunciato una nuova collaborazione con Riverbed Technology. VMware and Riverbed stavano già collaborando sulla base di un accordo costruito per aiutare le aziende ad accelerare il processo di migrazione verso il cloud, questa nuova intesa permetterà agli utenti di spostarsi più efficientemente tra cloud (privati, pubblici ed ibridi) attraverso l’uso degli ottimizzatori di rete di Riverbed da un lato e di VMware vCloud Connector dall’altro.
vCloud Connector 1.5, ormai annunciato l’anno scorso, permette ali utenti di collegare a cloud privati e pubblici basati su VMware vSphere e VMware vCloud Director e gestirli da un’unica interfaccia. Grazie alla collaborazione con Riverbed i clienti potranno:
  • limitare i ritardi che potrebbero insorgere a causa delle limitazioni della banda oppure dall’alta latenza nella rete;
  • massimizzare i benefici nell’uso di più ambienti cloud senza compromettere le performance;
  • avvantaggiarsi delle soluzioni di ottimizzazione della WAN proposte da Riverbed per ridurre il tempo ed i costi legati alla infrastruttura della WAN
Grazie alle soluzioni Riverbed e VMware, i cloud service provider basati su ambienti VMware potranno ottimizzare ancora di più la propria offerta permettendo ai clienti di utilizzare al meglio gli investimenti già fatti.
Per maggiori informazioni è possibile scaricare il documento “VMware vCloud Connector and Riverbed Steelhead WAN Optimization Solution Brief”; oltre a prendere visione dell’annuncio sul VMware vCloud Blog.