Cerca nel blog

domenica 23 settembre 2012

“APD Timeout”, come proteggere ESXi in caso di All Paths Down

Lo stato All Paths Down (APD), non impatta solamente sull’I/O delle VM; incide sul numero di thread a supporto del servizio hostd e, nel peggiore dei casi, l’host si disconnette dal proprio vCenter. APD agisce negativamente anche sulle operazioni di I/O relative all’aggiornamento del parametri della VM che vengono aggiornati nel file vmx.
Con vSphere 5.1, è possibile inserire un valore per il time-out in caso di APD. Questo parametro globale è disponibile editando gli advanced setting del software cercando Misc.APDHandlingEnable. Se il valore è impostato a 0, come in vSphere 5.0, ESXi di continuare a riprovare ad interrogare il percorso fallito. Impostando Misc.APDHandlingEnable a 1, la gestione dello stato APD cambia ed ESXi osserva il valore impostato in Misc.APDTimeout (il cui valore di default è 140 secondi).
In caso di ADP, ESXi attende il tempo impostato nel parametro appena citato (di base 140 secondi) dopodiché qualunque ulteriore richiesta di I/O viene chiusa con lo stato No_Connect, evitando che hostd rimanga appeso. Se, invece, un qualsiasi percorso verso il device dovesse essere ripristinato, le richieste di I/O al device verrebbero eseguite normalmente concludendo lo stato APD.
Per maggiori informazioni è possibile consultare il white paper “What’s New in VMware vSphere 5.1 – Storage”.

Nessun commento: